Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.

Walter Albini. Creatività e destino

ritratto-1972

Comincia oggi una rubrica mensile dedicata ai geni della moda italiana che non sono ancora entrati nei libri di storia. Paola Maddaluno, storica della moda del Novecento, ci aiuta a scoprire una parte del nostro passato che abbiamo colpevolmente dimenticato.Today we’re introducing a monthly section dedicated to the geniuses of Italian fashion who are not recognised in history books yet. 20th-century fashion historian Paola Maddaluno leads us in the discovery of a chapter of our guiltily forgotten past.

Siamo negli anni Settanta.
Milano accoglie alcune tra le più prestigiose iniziative promozionali della moda femminile di lusso: Modit per le case di prêt-à-porter e Milano Collezioni. Due eventi che tracciano i primi segni dello stilismo italiano. Siamo in un nuovo “tempio” della moda scandito non solo dalla serialità e dall’organizzazione produttiva ma soprattutto da una minuziosa esaltazione del concetto di qualità.
Antesignano di questa nuova era è Walter Albini. Albini è tra i primi “centauri”, un po’ mercante e un po’ poeta. Accompagnato dallo slogan “goditi l’oggi e lascia lo spiacevole a domani”, propone una moda non più dedicata solo a coloro che se ne servono in chiave esclusiva e singolare, ma intesa come un linguaggio che mette insieme arte e mercato, cultura e ricchezza. Sul numero di dicembre del 1978 di “Vogue Italia” egli afferma: “Per me ogni vestito ha una storia: d’amore, di rabbia, di violenza. Ogni vestito è un momento, una persona, un posto e ogni vestito ha il suo ruolo, come in teatro. Per cambiare vestito bisogna cambiare attitudine e spirito, e entrare in una nuova ‘parte’. Ogni volta, ogni stagione, ogni collezione”.
Definito dalla rivista “Women’s Wear Daily” il nuovo astro italiano, Albini dedica le sue prime collezioni, Anagrafe (70’) e Preraffaellita (71), alla ricerca di tagli sartoriali rigorosi e leggeri che richiamano le figure degli anni Trenta. Sperimenta intrecci eterogenei di trame e ordito, ottenendo accostamenti bizzarri e di gran gusto. Collabora in maniera parallela con molte aziende. Con il marchio Misterfox, costituito con la Papini, inventa la formula “uni-max”, ovvero uniformità di taglio e colore per uomo e donna. Con Diamant’s, progetta il capo che diventerà il suo segno privilegiato: la giacca camicia. Stipula un contratto con la prima società di distribuzione del prêt-à-porter Effetiemme, gestita da Aldo Ferrante, Franco Tossitti e Gigi Monti, a capo del gruppo che raccoglie i marchi Basile, Callaghan ed Escargots. Per Callaghan, Albini maneggia il jersey. Per Basile, disegna capospalla. Per Escargots, crea giochi divertenti con la maglieria. Un “centauro” che conserva la specificità del suo stile, pur misurandosi con aziende diverse. Plasma la sua creatività senza alterare i principi basilari del suo linguaggio: l’armonia materica, la riduzione delle forme, la sintesi di una espressione hippie, antiestablishment, etnica mescolata con il sofisticato casual urbano. Albini pone le sue radici in valori come: particolarità, coerenza e capacità di rinnovare. Ha provato a superare sfide e pregiudizi, barriere e confini.
Ma si è arreso davanti al suo tempo, alla morte che per lui è arrivata troppo presto. Come osserva Maria Luisa Frisa: “Molti ricordano Albini e lo citano esplicitamente, ma c’è un modo ancora più importante per vedere celebrata l’opera di un autore: è quando le risonanze del suo lavoro attraversano un’epoca intera (…). Questo è il riconoscimento più grande, un omaggio continuo e silenzioso che Walter Albini non ha goduto mentre era ancora in vita, ma che oggi siamo in grado di riconoscere perfettamente. Oggi più che mai, proprio quel fashion system che a lui deve così tanto è entrato definitivamente in crisi. Ma (…) il suo lavoro ha lasciato un’impronta decisiva sulla moda contemporanea”. Albini, autore e regista della moda contemporanea italiana.

It’s the S

31/5/2012 A CURA DI

Il futuro della moda

LA.TE : Intervista ai fondatori di un laboratorio che crea e distribuisce i capi dei nuovi designer

4/4/2016 A CURA DI

CASAMADRE

Creare prodotti che trasmettono tradizione, cultura e amore

31/3/2016 A CURA DI

L’arte del tartan

Matteo Lamandini racconta la sua moda, tra formazione ed esperienze all’estero

16/3/2016 A CURA DI

Morto un padre se ne fa un altro

Hedi Slimane con la sfilata Yves Saint Laurent Couture per l’inverno 2017 supera per sempre un rapporto difficile. Ed è libero di andarsene.

8/3/2016 A CURA DI

Wild rose

Nuovi nomi della scena inglese nel servizio fotografico di Elisabetta Felix Forma con la fotografa Marie-Fleur Charlesworth

8/3/2016 A CURA DI

Niente di nuovo vuol dire tutto nuovo?

La prima collezione di Demna Gvasalia per Balenciaga pone un problema di fondo. E non lo risolve.

7/3/2016 A CURA DI

Edithmarcel: discussione sul genere

Intervista ad Andrea Masato e Gianluca Ferracin, fondatori del brand di capi a-gender

29/2/2016 A CURA DI

Jil Sander. Il niente che ci circonda

Rodolfo Paglialunga azzera tutto e riparte dal niente nella collezione Jil Sander Autunno Inverno 16-17

27/2/2016 A CURA DI

Prada ricuce il mondo

Miuccia Prada ricostruisce un mondo ideale senza confini, divisioni o differenze

26/2/2016 A CURA DI

La guerra dei mondi

Ecco perché il cambiamento di date delle sfilate non sta cambiando niente.

25/2/2016 A CURA DI

Grosso Mondo

Intervista al team creativo del progetto editoriale italiano più nuovo e più indipendente nato a Milano nel 2015

17/2/2016 A CURA DI

Ashowroom. Lo showroom 2.0

Intervista a Ian Phin, uno dei tre creatori del progetto

16/2/2016 A CURA DI

Interno 12

Gli accessori della pe 2016 secondo il fotografo Nicola Galli e la stylist Francesca Izzi

10/2/2016 A CURA DI

Wild Nights

Il fotografo Edoardo Pasero ci racconta la sua esperienza di autore della campagna e del video Vic Matié SS2016

9/2/2016 A CURA DI

Federico Curradi

Secondo il designer fiorentino e Pitti Uomo è giunto il momento di ridefinire il significato di lusso

5/2/2016 A CURA DI

Artisanal Intelligence

Artisanal Intelligence è un progetto di Altaroma che da più di cinque anni promuove le migliore realtà artigianali italiane e internazionali

28/1/2016 A CURA DI

Pierre-Louis Mascia

Un’intervista per capire la moda, e la creatività del designer francese

27/1/2016 A CURA DI

Sunnei fw 2016

Nelle immagini di backstage di Anna Adamo alcuni capi della collezione cha ha spopolato sui social grazie a un gioco da ragazzi

25/1/2016 A CURA DI

Milano Collezioni Uomo 2016

Le collezioni che ci hanno interessato di più durante l’ultima tornata di sfilate maschili

25/1/2016 A CURA DI

FABS. Una nuova app made in Italy

Una applicazione che semplifica il mestiere del buyer

21/1/2016 A CURA DI

Centrum

Il servizio del fotografo Simone Lorusso che riporta il rapporto tra fotografo e soggetto al centro dell’immagine di moda

20/1/2016 A CURA DI

PITTI SUPERNOVA

Ecco perché quella che era una volta solo una fiera sta indicando il futuro della moda italiana

18/1/2016 A CURA DI

Vittorio Branchizio per Pitti Italics

L’ultimo vincitore di Who Is On Next? ha presentato a Pitti Uomo 89 la collezione autunno/inverno 2016

15/1/2016 A CURA DI

Le conseguenze della moda

Come il mondo della moda sta tentando di attraversare la fine dei creativi

14/1/2016 A CURA DI

Academy Awards 2015 #3

Il terzo dei post anonimi, che raccontano le dinamiche degli incontri di Academy Awards 2015, è dedicato al workshop promosso dal brand Bonomea

14/1/2016 A CURA DI

Raw

In esclusiva su Pizza le immagini del progetto personale di Riccardo Dubitante nuovo talento della fotografia di moda

13/1/2016 A CURA DI

Torna l’appuntamento con L’ITALIA È DI MODA

Maria Luisa Frisa incontra la stylist Rossana Passalacqua

11/1/2016 A CURA DI

Tutorship

Il nuovo progetto di Pitti Immagine a sostegno dei nuovi designer e brand di moda

8/1/2016 A CURA DI

Il ritorno degli invisibili

Ecco perché nel mondo della moda sta per cambiare tutto. Di nuovo

7/1/2016 A CURA DI

Armani meets Vanotti

Giorgio Armani sostiene Lucio Vanotti

22/12/2015 A CURA DI