Walter Albini. Creatività e destino

ritratto-1972

Comincia oggi una rubrica mensile dedicata ai geni della moda italiana che non sono ancora entrati nei libri di storia. Paola Maddaluno, storica della moda del Novecento, ci aiuta a scoprire una parte del nostro passato che abbiamo colpevolmente dimenticato.Today we’re introducing a monthly section dedicated to the geniuses of Italian fashion who are not recognised in history books yet. 20th-century fashion historian Paola Maddaluno leads us in the discovery of a chapter of our guiltily forgotten past.

Siamo negli anni Settanta.
Milano accoglie alcune tra le più prestigiose iniziative promozionali della moda femminile di lusso: Modit per le case di prêt-à-porter e Milano Collezioni. Due eventi che tracciano i primi segni dello stilismo italiano. Siamo in un nuovo “tempio” della moda scandito non solo dalla serialità e dall’organizzazione produttiva ma soprattutto da una minuziosa esaltazione del concetto di qualità.
Antesignano di questa nuova era è Walter Albini. Albini è tra i primi “centauri”, un po’ mercante e un po’ poeta. Accompagnato dallo slogan “goditi l’oggi e lascia lo spiacevole a domani”, propone una moda non più dedicata solo a coloro che se ne servono in chiave esclusiva e singolare, ma intesa come un linguaggio che mette insieme arte e mercato, cultura e ricchezza. Sul numero di dicembre del 1978 di “Vogue Italia” egli afferma: “Per me ogni vestito ha una storia: d’amore, di rabbia, di violenza. Ogni vestito è un momento, una persona, un posto e ogni vestito ha il suo ruolo, come in teatro. Per cambiare vestito bisogna cambiare attitudine e spirito, e entrare in una nuova ‘parte’. Ogni volta, ogni stagione, ogni collezione”.
Definito dalla rivista “Women’s Wear Daily” il nuovo astro italiano, Albini dedica le sue prime collezioni, Anagrafe (70’) e Preraffaellita (71), alla ricerca di tagli sartoriali rigorosi e leggeri che richiamano le figure degli anni Trenta. Sperimenta intrecci eterogenei di trame e ordito, ottenendo accostamenti bizzarri e di gran gusto. Collabora in maniera parallela con molte aziende. Con il marchio Misterfox, costituito con la Papini, inventa la formula “uni-max”, ovvero uniformità di taglio e colore per uomo e donna. Con Diamant’s, progetta il capo che diventerà il suo segno privilegiato: la giacca camicia. Stipula un contratto con la prima società di distribuzione del prêt-à-porter Effetiemme, gestita da Aldo Ferrante, Franco Tossitti e Gigi Monti, a capo del gruppo che raccoglie i marchi Basile, Callaghan ed Escargots. Per Callaghan, Albini maneggia il jersey. Per Basile, disegna capospalla. Per Escargots, crea giochi divertenti con la maglieria. Un “centauro” che conserva la specificità del suo stile, pur misurandosi con aziende diverse. Plasma la sua creatività senza alterare i principi basilari del suo linguaggio: l’armonia materica, la riduzione delle forme, la sintesi di una espressione hippie, antiestablishment, etnica mescolata con il sofisticato casual urbano. Albini pone le sue radici in valori come: particolarità, coerenza e capacità di rinnovare. Ha provato a superare sfide e pregiudizi, barriere e confini.
Ma si è arreso davanti al suo tempo, alla morte che per lui è arrivata troppo presto. Come osserva Maria Luisa Frisa: “Molti ricordano Albini e lo citano esplicitamente, ma c’è un modo ancora più importante per vedere celebrata l’opera di un autore: è quando le risonanze del suo lavoro attraversano un’epoca intera (…). Questo è il riconoscimento più grande, un omaggio continuo e silenzioso che Walter Albini non ha goduto mentre era ancora in vita, ma che oggi siamo in grado di riconoscere perfettamente. Oggi più che mai, proprio quel fashion system che a lui deve così tanto è entrato definitivamente in crisi. Ma (…) il suo lavoro ha lasciato un’impronta decisiva sulla moda contemporanea”. Albini, autore e regista della moda contemporanea italiana.

It’s the S

31/5/2012 A CURA DI

Lo streetwear di VAR/CITY

Intervista a Marta Bonometti, Ceo e fondatrice del brand di abbigliamento underground.

20/5/2015 A CURA DI

Intimacy

La fotografa Cristina Coral intepreta la spring collection di Prada

19/5/2015 A CURA DI

La nuova Camera Nazionale della Moda Italiana

La svolta è dietro l’angolo. La strategia della Camera Nazionale della Moda Italiana come ce l’ha raccontata il nuovo presidente Carlo Capasa

14/5/2015 A CURA DI

Lo stile unisex di Alessandro Lastella

Quattro chiacchiere con il giovane designer milanese che ci racconta la collezione autunno/inverno 2015-16

5/5/2015 A CURA DI

Ieri, oggi e domani. Roma e la moda

Una conversazione con Adriano Franchi, direttore generale di Altaroma

24/4/2015 A CURA DI

Femminile (singolare)

Il fotografo Riccardo Dubitante e la stylist Yosephine Melfi raccontano insieme la collezione autunno-inverno 2015 del designer Lucio Vanotti

22/4/2015 A CURA DI

In Between. La moda italiana contemporanea

Sabato 18 aprile ultimo incontro della serie Le Storie della Moda al MAXXI di Roma

17/4/2015 A CURA DI

L’F Shoes, ironia e semplicità ai vostri piedi

Intervista ai designer Licia Florio e Francio Ferrari, fondatori del brand di calzature L’F Shoes

16/4/2015 A CURA DI

Just a short stupid story that I’m going to forget

La fotografa Giulia Bersani e la stylist Veronica Mazziotta raccontano insieme la collezione estate 2015 di REDValentino

10/4/2015 A CURA DI

Sansovino6. Sportswear americano made in Italy

Abbiamo incontrato Edward Buchanan, anima di Sansovino6, una collezione tutta italiana con un’anima radicata nella cultura dello sportswear americano

30/3/2015 A CURA DI

I nuovi designer italiani

Gli interpreti della moda italiana oggi

25/3/2015 A CURA DI

Cactus

Cactus è un collettivo composto da quattro giovani creativi italiani e anche un magazine indipendente

20/3/2015 A CURA DI

La moda sinestetica di Sandro Gaeta

Il giovane designer siciliano racconta di sé e della sua collezione autunno/inverno 2015-16

18/3/2015 A CURA DI

Superclassifica autunno inverno 2015/2016

Et voilà! Come ogni magazine online che si rispetti facciamo anche noi la nostra Superclassifica Show delle ultime sfilate donna per l’autunno inverno 2015/2016

17/3/2015 A CURA DI

Drome. Il vento freddo del nord

Il freddo vento dell’estetica nord europea arriva a Firenze e contamina la nuova collezione di Drome

13/3/2015 A CURA DI

Vita, morte, sangue, indipendenza

Un piccolo manifesto sull’indipendenza ispirato da alcune grandi penne del giornalismo di moda internazionale

11/3/2015 A CURA DI

Il design concettuale di Altrove

Intervista a Miriam Nonino e Alessandra Milan, fondatrici dell’atelier veneziano

10/3/2015 A CURA DI

La camicia bianca secondo Gianfranco Ferrè

Inaugura oggi a Milano la mostra che celebra il capo icona del designer milanese. A Palazzo Reale fino al 1 Aprile

10/3/2015 A CURA DI

Tanto ho pensato a te

Alcuni pensieri molto personali sul lavoro di Rodolfo Paglialunga da Jil Sander.

4/3/2015 A CURA DI

Milano fashion week. Riassunto in tre puntate.

Terza e ultima puntata. Un riassunto critico di tutto quello che abbiamo visto durante l’ultimo Milano Fashion Week

4/3/2015 A CURA DI

Milano fashion week. Riassunto in tre puntate

Seconda puntata. Un riassunto critico di tutto quello che abbiamo visto durante l’ultimo Milano Fashion Week

3/3/2015 A CURA DI

Milano fashion week. Riassunto in tre puntate

Prima puntata. Un riassunto critico di tutto quello che abbiamo visto durante l’ultima Milano Fashion Week

2/3/2015 A CURA DI

Arthur Arbesser. L’Austria, Vienna e il ballo delle debuttanti

La collezione autunno-inverno 2015/2016

2/3/2015 A CURA DI

Marcelo Burlon County of Milan

La collezione donna autunno/inverno 2015-2016 di Marcelo Burlon County of Milan

26/2/2015 A CURA DI

Gucci. Ode all’indipendenza

Alessandro Michele si allontana dal pesante passato di Gucci per intraprendere una strada rischiosa ma estremamente personale. E probabilmente necessaria

25/2/2015 A CURA DI

Serienumerica. Un duo femminile che guarda all’oriente

Serienumerica, alias Maria De Ambrogio e Stella Tosco, ci presentano in anteprima la collezione fall winter 2015/2016

25/2/2015 A CURA DI

Vic Matié. Anteprima di un nuovo inizio.

Vi raccontiamo in anteprima l’evento di presentazione della nuova collezione Vic Matiè per il prossimo autunno inverno 2015/2016.

24/2/2015 A CURA DI

La moda sostenibile di Flavia La Rocca

Sughero spalmato, poliestere riciclato e popeline di cotone nella collezione primavera/estate 2015 della designer romana.

23/2/2015 A CURA DI

Accademia Costume e Moda. Final show 2015

L’Accademia di Costume e Moda di Roma fa un altro passo avanti. Questa volta ben assestato

20/2/2015 A CURA DI

Lagente Green: non solo big

Intervista a Davide Dallomo sul progetto di talent scouting Lagente Green

19/2/2015 A CURA DI